Agenda

14a Edizione "il Gerione"

Campagna (SA)

Maggio – 26 Maggio

"Lo spazio bianco"

SEZIONE DOWNLOAD

Comunicato 8 PDF Stampa E-mail

SCUOLA&TEATRO:
A CAMPAGNA LA PRIMA RASSEGNA NAZIONALE
Si è svolta a Campagna (SA), dal 9 al 15 maggio, la prima edizione della “R.S.&T. - Rassegna Nazionale Scuola & Teatro”. Nata per iniziativa dell’Associazione Culturale “Teatro dei Dioscuri”, la Rassegna ha il chiaro intento di coinvolgere in modo paritario, ciascuno con le proprie competenze il Comune di Campagna, le Scuole di ogni ordine e grado del Comune, la Pro loco Città di Campagna. Realizzata con il patrocinio della Provincia di Salerno, del Comune di Campagna, della Regione Campania e dell’EPT di Salerno – la rassegna ha portato in scena spettacoli prodotti da scuole e da laboratori extrascolastici che perseguono finalità di “teatro educativo”. Fin da questa sua prima edizione, la R.S.&T ha preso immediatamente un respiro nazionale. “Si dice che l’ospite più gradito sia quello che giunge da più lontano – commenta Antonio Caponigro, anima del “Teatro dei Dioscuri” e Direttore Artistico della R.S.&T.– ma non vorrei tralasciare la presenza di tante scuole di Campagna, che hanno concorso nella Sezione Speciale, e dei Comuni limitrofi. Devo dire che mi ha lasciato senza parole l’entusiasmo con il quale ragazzi e docenti hanno partecipato alle varie fasi della nostra iniziativa. La prima edizione si è rivelata ricca di spunti e di contenuti, che hanno permesso alla Rassegna di candidarsi a essere un riferimento nel panorama del teatro educativo regionale e nazionale”. L’originalità della R.S.&T emerge anche dal programma. Non solo rappresentazioni, ma anche occasioni di approfondimento e di confronto negli ambiti della psico-pedagogia, della formazione individuale e di gruppo, della drammaturgia, delle dinamiche sociali nello spettacolo dal vivo. “E’ quella – afferma la Dott.ssa Filomena Apicella, Presidente del Comitato Organizzatore e Dirigente dell’Ist. Comprensivo “G.C.Capaccio” – che mi piace chiamare ‘ricerca metodologica degli insegnanti– teatranti e dei teatranti-insegnanti’. Alla quale la nostra rassegna intende contribuire con laboratori, convegni, seminari, corsi di formazione e momenti di discussione su scuola e teatro. In questo immane sforzo organizzativo non siamo soli. Come già in fase progettuale, abbiamo vicino la Pro loco Città di Campagna e le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale, non solo con gli spettacoli in concorso, ma anche con le giurie di alunni che assegnano i premi alle diverse Sezioni: vere e proprie realtà co-organizzatrici della manifestazione insieme all’Amministrazione Comunale ed all’Ass. Teatro dei Dioscuri”. “Il Comune di Campagna – aggiunge l’assessore comunale all’Istruzione, Michele Trotta – crede nelle straordinarie possibilità della R.S.&T. Siamo certi che, già in breve tempo, potrà divenire uno dei grandi eventi su cui il puntare per rafforzare l’immagine della città sul piano della cultura, dell’arte e del turismo. Anche per questo, abbiamo fatto nostra l’idea progettuale elaborata dall’ Associazione Culturale “Teatro dei Dioscuri”.

IMPRESSIONI DI VIAGGIO (13 maggio ’05)
L’ impressione era come sempre concitata, l’attesa dello spettacolo palpabile, la confusione al massimo e poi, ad un certo punto, il buio e solo una luce azzurro terso ad illuminare il pubblico, a rompere il confine tra il palcoscenico e gli spettatori. C’era da aspettarselo, la plastica stessa dello spettacolo lasciava prevedere che tutto in un attimo si sarebbe fuso, niente più sarebbe stato realtà, niente più finzione, il caos avrebbe intriso di sé l’intera atmosfera. Perché tutto questo?
Perché “Caos e Cosmos” dell’Ist. “T. Confalonieri” di Campagna, mette in scena la vita, il suo intenso e incessante dramma. Sul palco, più che le voci a parlare, sono i corpi e le musiche a raccontare. Il flauto iniziale è l’afflato creatore che infonde vita nei corpi inermi, bianchi, puri, che giacciono a terra: è il Caos. Poi i corpi prendono a muoversi, accompagnati dal delirio delle note, fino ad erigersi completamente, fino a vedere la luce della creazione. E’ la vita. Scena dopo scena, ad essere scandito da balli e musiche, è il cammino dell’uomo, centro di tutto il creato, in continuo bilico tra i quattro elementi: acqua, aria, terra e fuoco e in continua tensione verso l’elemento degli elementi, la luce. Luce come meta lontana, come speranza, come continua ricerca che l’uomo fa di sé, del suo io, di Dio. Ma nel cammino continue cadute, l’emergere incessante del disordine, il prevalere devastante dell’uno e dell’altro elemento: è il caos dell’esistenza che periodicamente sopraggiunge a rompere l’armonia. Poi d’improvviso il cerchio si ricompone, c’è il ritorno ai primordi, si impone la circolarità del tempo, la ruota dell’esistenza: tutto è destinato a ripetersi sotto la spinta di Eros e Thanatos, nello scontro tra Bene e Male, nell’alternarsi imperituro tra nascita e morte. In scena dunque la metafora palpabile dell’esistenza, della Natura, della sofferenza. In scena l’eterno atteggiamento dell’uomo, proteso a costruire, ma anche a distruggere la propria esistenza. E con questo atteggiamento positivo di costruzione si dipana la 1^ R.S.&T., che lentamente volge al termine, almeno nella parte spettacolare, tra grandi successi di pubblico, gran numero di giurati coinvolti, apprezzamenti estremamente positivi da parte della comunità. Grande il gioco di squadra da parte di tutti gli Enti coinvolti per il raggiungimento di fini
comuni, quali l’educazione permanente al teatro e lo sviluppo turistico; grandi i risultati finora raggiunti, al di là di qualsiasi aspettativa.

IMPRESSIONI DI VIAGGIO (28 maggio ’05)
E’ da poco giunta al termine, con la serata conclusiva, la 1^ R.S.&T. La serata di gala, svoltasi nella splendida Cattedrale nel Centro Storico di Campagna, ha visto un pubblico numeroso e molto vario e la presenza di molte personalità intervenute alla nascita di questa nuova iniziativa, tra cui il Presidente del Consiglio Provinciale, dott. Carmine Pignata, il Sindaco di Eboli, dott. Martino Melchionda. A presentare la serata Nunzia Schiavone, che in primis ha provveduto alla consegna degli attestati di ringraziamento e poi dei Premi Gerione (dal rudere dell’antico Castello, appunto “Gerione”, che domina sulla vallata) alle varie Sezioni in concorso. Per la Sezione Speciale riservata alle Scuole di Campagna la giuria mista degli studenti ha attribuito il Premio all’ I.P.I.A. “Giordano Bruno” per lo spettacolo “GENNARENIELLO” di Eduardo De Filippo.

Per la Sezione Scuola Primaria Nazionale il Premio Gerione è stato attribuito al Plesso S. Vito dell’Ist. Compr. di Montecorvino Pugliano, per lo spettacolo “VENTI DI PACE”.

Per la Sezione Scuola Secondaria di 1° Grado il Premio è andato all’Istituto Compr. “Carchidio – Strocchi” di Faenza per lo spettacolo “PROMETEO INCATENATO”.

Per la Sezione Scuola Secondaria di 2° Grado il Premio è andato in ex equo all’Ist. d’Istruzione Superiore “Enrico Mattei” di Cerveteri per lo spettacolo “DEUS EX-MACHINA” ed al Liceo Scientifico “ASSTEAS” di Buccino per lo spettacolo “METAMORFOSI”.

La serata è stata onorata dalla presenza di personalità di spicco del mondo culturale, in specie di quello teatrale, con l’attore Antonio Casagrande, e di quello musicale, con il soprano Margherita Amato, che ha chiuso la serata.
A conclusione di tutto, con la soddisfazione dei vincitori e con l’uguale gioia di tutte le scuole partecipanti, alla presenza del Sindaco Biagio Luongo e delle autorità, si sono già poste le basi per la 2^ edizione della Rassegna, che si spera possa allargare il proprio consenso sul territorio ed a livello nazionale, alla luce dei notevoli risultati già quest’anno ottenuti. Andiamo ora però, senza farci prendere dalla malinconia, a dare uno sguardo alle cifre: nelle 7 giornate di spettacolo sul palco dell’Auditorium dell’Ist. “G. Palatucci” si sono avvicendate ben 13 scuole di ogni ordine e grado per un totale di circa 500 alunni, 50 insegnanti e 7 operatori teatrali e quasi 2500 spettatori! Sono stati impegnati nelle giurie circa 170 alunni dei 5 Istituti di Campagna, 20 docenti; nell’organizzazione, tra autisti del Comune, personale A.T.A., tecnici ed addetti alla sala teatrale, guide e tutor, priori delle confraternite, operatori teatrali, direzione artistica e organizzativa, Comitato Organizzatore, circa 100 persone. E, mentre le cifre continuano a parlare da sole, a noi non rimane che pensare già al futuro, alla 2^ Edizione della Rassegna, i cui lavori, come ha doverosamente ricordato l’Assessore all’Istruzione, l’Avv. Michele Trotta, inizieranno già il prossimo settembre, con tutta la voglia di fare ancora meglio, ma soprattutto con un grande bagaglio di esperienze che questa prima Rassegna ci ha regalato.
Speriamo allora che nel nostro Comune e nell’intero territorio stia finalmente nascendo qualcosa di veramente grande!

Valentina Granito
addetto stampa