Agenda

14a Edizione "il Gerione"

Campagna (SA)

Maggio – 26 Maggio

"Lo spazio bianco"

SEZIONE DOWNLOAD

Comunicato 4 PDF Stampa E-mail

COMUNICATO STAMPA

Fede, tra Certezza e Dubbio, tra “Sacro e Profano”è stato rappresentato con molta chiarezza e con intensità di significato: alla fine è emersa una verità profonda, tutta racchiusa nell’abbraccio simbolico tra padre e figlio: sacro e profano non sono mondi irriducibilmente contrapposti, ma possono convivere come due volti di una stessa medaglia.
Tutto questo è stato reso dai ragazzi di Ragusa con dovizia di particolari nei costumi, nei gesti, nei movimenti, regalando al pubblico presente il vero trionfo del teatro educativo. 
Alle 17,30, l’Istituto Comprensivo “J. Sannazzaro”di Oliveto Citra ha presentato un’ esilarante rivisitazione del famoso romanzo del Manzoni, dal titolo “I Promessi Sposi … visti da noi”: una classe, stanca delle solite auliche letture del romanzo, decide, su proposta di una frizzante “regista”, di rivedere con i propri occhi tutta la vicenda di Renzo e Lucia. Il risultato è quello di un “salto spazio—temporale”, che catapulta letteralmente i ragazzi “ su quel ramo del lago di Como”; molto simpatiche poi le continue intromissioni della regista, che, in maniera del tutto sfiziosa, hanno ricordato al pubblico lo scopo parodistico del lavoro. Il tema ufficiale della R.S.&T., ossia “Sacro & Profano”, viene così trattato in modo completamente originale, traducendo in azione scenica, l’attività didattica e laboratoriale: ed è questo, a nostro avviso,  il significato più incisivo che si possa dare al “teatro educativo”!!!!
Allo spettacolo delle 17,30 era presente il Presidente del Consiglio Provinciale di Salerno, il Dott. Carmine Pignata, che nella sua intervista ha riflettuto sull’importanza della formazione delle Giurie sul territorio di Campagna e dei Comuni limitrofi: “Si tratta di una grande operazione culturale che servirà alle nuove generazioni per sviluppare il senso critico in tutte le scelte della vita  e la capacità di intendere il linguaggio teatrale”.  
Ieri sera per la prima volta in questa 2^ edizione della R.S.&T. sono saliti sul palcoscenico dell’ Auditorium “E. De Nicola” i ragazzi di un istituto superiore; stiamo parlando del Liceo Scientifico “E. Medi” di Barcellona che ha portato in scena “ Eros e Lucia”, un libero adattamento tratto da due miti.
Nello spettacolo delle 20,00, a cura del Liceo Scientifico “E. Medi” di Barcellona (ME), il tema del “sacro & profano”è stato trattato in maniera molto esplicita e in relazione al fondamentale ambito dell’Amore: sulla scena si sono alternati Eros, simbolo per eccellenza dell’Amore carnale, mitologico e dunque “profano”, e Lucia, icona dell’Amore “Sacro”, del  totale donarsi a Dio. La rappresentazione si è conclusa, tra balli e musiche fascinose, con una morale espressa dallo stesso Eros: “l’Amor Profano e quello Sacro devono sempre coesistere per far sì che il mondo possa andare avanti”.
Una grande verità resa in maniera poetica e con un  grande entusiasmo da parte dei ragazzi; grande coinvolgimento del pubblico che ha dimostrato di apprezzare le capacità di padronanza del palco.
La R.S.&T. procede con grande coinvolgimento di giurati e di pubblico e con la presenza variegata di scolaresche delle ben 5 Regioni rappresentate: Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Liguria.

Valentina Granito
Ufficio stampa